La Lanterna del Popolo

"La Lanterna del Popolo" - Mensile di Attualità, Cronaca, Cultura, Informazione e OpinioneBenvenuti nel Sito Ufficiale de "La Lanterna del Popolo" - Carovigno (BR) - ITALIA

 

 

 

 

Carovigno Basket: dopo la straordinaria

stagione 2018/2019 si riparte alla Serie D

Carovigno Basket, un splendida realtà sportiva si prepara ad onorare ancora i colori di questa città

 

© - La Lanterna del Popolo (2019)

di Domenico Basile

Dopo l'esaltante stagione dell'anno scorso nel corso nella quale ha vinto il Campionato di Promozione maschile, primeggiando nel girone C dei Playoff, il Carovigno Basket affila le proprie armi e si prepara ad affrontare questa nuova stagione che la vedrà protagonista nella serie D dopo 8 lunghissimi anni.

Negli anni passati Carovigno aveva già vissuto l'esperienza della Serie D con 2 società, poi più nulla.

Da qui è nato il progetto che ha visto Carovigno ripartire da zero, con la forza giunta anche dal centro di Mini Basket del settore giovanile, anche quello quasi completamente azzerato.

Oggi il Carovigno Basket vanta una settantina di tesserati Mini Basket, più una ventina di ragazzi del settore giovanile, oltre ovviamente alla prima squadra, pertanto complessivamente l'A.S.D. Carovigno Basket annovera oltre 100 tesserati, che per una realtà come Carovigno è un risultato decisamente positivo.

L'anno scorso è stato un anno molto difficile, ma il Carovigno Basket, dopo aver chiuso al 2° posto in classifica la regular season alle spalle del Massafra, ha preso parte ai playoff e lì c'è stata la grande impresa che ha portato la squadra al successo, grazie soprattutto ai giocatori che insieme allo staff tecnico sono stati veramente professionali.

Massafra era testa di serie in un altro girone di playoff, per cui Carovigno ha trovato il girone più duro dovendo affrontare Taranto, Terlizzi e il fortissimo, Bitonto dove militavano giocatori importanti come Leoncavallo. Fiore e De Feo.

Ma nonostante ciò è proprio con il Bitonto che il Carovigno Basket ha fatto la differenza, prima vincendo il match di andata in casa, e poi andando a espugnare il Bitonto in trasferta vincendo la finale per 54 a 52 conquistano così la promozione alla serie D.

Vogliamo ricordare i nomi degli eroi del Carovigno Basket: Ivano De Leonardis (Playmaker - San Vito dei Normanni), Francesco Bove (Play/guardia - Brindisi), Piero Monna (Ala - Capitano - Carovigno), Marco Di Pietrangelo (Ala - Mesagne), Gianfranco Valentini (Centro - Taranto), Pierluigi Specchia (Centro - Ostuni), Felice Tamborrino (Guardia - Carovigno), Mirco Zito (Guardia - Ostuni), Marco Travaglini (Guardia - San Vito dei Normanni), Antonio Ancora (Playmaker - San Vito dei Normanni), Luca Di Napoli (Ala - Brindisi), Davide Agresta (Guardia - Brindisi), Viktor Lanzilotti (Ala - Carovigno).

Lo staff tecnico era composto dal Coach Gianpaolo Amadori dal suo Assistente Luca Lococciolo e Diego Simeoli Accompagnatore e Addetto alle Statistiche.

La dirigenza invece vede Presidente Giuseppe Greco, Vice Presidente Pasquale Melpignano, Direttore Generale Francesco Lotti (alias Pippinuddu), Luigi Greco (Direttore sportivo e Addetto all'Area Tecnica), Buongiorno Concetta (Tesoriere), Mattia Di Latte (Team Manager), Giuseppe Epifani (Addetto alle Comunicazioni), Vincenzo Carlucci (Responsabile Settore Giovanile), Piersalvatore Iaia (Dirigente) e Cristian Caliolo (Dirigente).

Abbiamo chiesto al Presidente Greco quali obiettivi si pone oggi il Carovigno Basket.

"Il primo colpo è stato sensazionale, perchè abbiamo lavorato duro per portare a Carovigno Carlo Menzione.

Parliamo di un giocatore che ha sempre giocato in Serie B al vertice e in Serie C vincendo 6 campionati, ma stavolta ha voluto aderire a questo nuovo progetto e siamo contentissimi di averlo portato in Serie D".

"Potrebbe sembrare che anche quest'anno puntiamo a fare un campionato di vertice - aggiunto il Presidente Greco - ma in realtà cercheremo di fare un campionato per divertirci e far divertire tutto il pubblico carovignese che nella scorsa stagione è stato meraviglioso, dal momento che ci ha seguito ovunque, anche fuori casa con l'obiettivo di sostenere la squadra con la speranza raggiungere i playoff, e così è stato.

Quest'anno siamo una società neopromossa, per cui non me la sento di fare promesse di vittoria, posso però dire che confermeremo quasi, tutti, anche perchè si tratta di un gruppo meraviglioso, e non ci sentiamo di escludere nessuno del vecchio roster, anzi oltre al citato Carlo Menzione, aggiungeremo anche Carlo Eletto (Playmaker - Francavilla Fontana) molto forte che ha giocato quest'anno in C Gold, per cui saranno entrambi 2 innesti di livello".

Indubbiamente dal punto di vista finanziario, affrontare un campionato di Serie D comporta dei costi importanti, ed in questo senso il grande merito va al patron Giuseppe Greco titolare del main sponsor Brio Service, che sta lavorando tantissimo per portare tanti amici e imprenditori a conoscere questa splendida realtà: "Vogliamo cercare di far capire chi siamo, cosa facciamo e perchè abbiamo avuto un così grande successo di pubblico - ha dichiarato il Presidente Greco - basti pensare che siamo riusciti a portare circa 400-500 spettatori ogni domenica al Palazzetto dello Sport di Carovigno e almeno un centinaio di supporter al seguito anche nelle sfide fuori casa.

La Serie D è un campionato molto impegnativo sia dal punto di vista economico che organizzativo, poichè esistono regole ferree che devono essere rispettate come il medico sociale (che non avevamo), l'installazione del dispositivo dei 24 secondi, oltre ai premi NAS da pagare a tutti i tesserati pari a 300 euro annui a giocatore; ed un Campionato giovanile che porta il totale delle spese federali a circa 6.500 euro.

Noi stiamo facendo un lavoro eccezionale, insieme a tutta la dirigenza per un unico obiettivo: portare quanti più soci e sponsor all'interno della nostra società e stanno rispondendo tutti alla grande.

Tutte le attività carovignesi contattate - ha proseguito - vogliono entrare a far parte di questa famiglia.

Stiamo cercando di ampliare e investire ancora di più nel settore giovanile con il Mini Basket facendo dei progetti scolastici, sulla scorta dell'esperienza dello scorso annoi, ma siamo aperti a collaborazioni con le società sportive dei paesi limitrofi, perchè ci rendiamo conto che per alzare l'asticella dobbiamo collaborare".

"Siamo invece molto scontenti del comportamento dell'amministrazione comunale", ha dichiarato il Presidente Giuseppe Greco.

"Non abbiamo ricevuto una targa per la vittoria del Campionato, non abbiamo ricevuto una telefonata mentre stavamo andando a disputare la finale, eppure siamo una squadra che porta cuciti addosso il nome e i colori di Carovigno in giro per la Puglia.

Siamo quindi particolarmente delusi.

L'unica che persona che si impegna ed è vicina a noi è l'Assessore allo Sport Luigi Orlandini, ma fa ciò che può e che deve per la delega assegnata.

Lui è una persona squisita, ma l'amministrazione comunale non ci ha mai accompagnato; con le altre associazioni li vedo presenti, ma per noi il Sindaco non ha speso nemmeno una telefonata di cortesia.

Siamo una realtà che va aiutata e supportata, e non necessariamente dal punto di vista economico.

Non abbiamo mai chiesto soldi, ma vogliamo che l'amministrazione comunale sia presente a tante iniziative, che sia presente nel Palazzetto dello Sport, perchè noi siamo gli unici che provvedono a pulirlo, nonostante lo stesso venga utilizzato da tante altre associazioni che però se ne fregano.

Pertanto gli amministratori dovrebbero essere molto più vicini e presenti, ma oggi sono molto lontani.