La Lanterna del Popolo

"La Lanterna del Popolo" - Mensile di Attualità, Cronaca, Cultura, Informazione e OpinioneBenvenuti nel Sito Ufficiale de "La Lanterna del Popolo" - Carovigno (BR) - ITALIA

 

 

 

 

Sulla gara per il servizio di igiene urbana

divergenze tra maggioranza e opposizione

Zizza: "Occorrono nuove assunzioni" - Lanzilotti: "Non sarebbe finanziariamente sostenibile"

 

© - La Lanterna del Popolo (2019)

di Domenico Basile

Il 29 Novembre 2018 si è svolto il Consiglio Comunale.

Ad aprire le danze è stato il Consigliere Vittorio Zizza che ha chiesto di poter intervenire sul progetto della nuova gara per il servizio di igiene urbana (non all'ordine del giorno), rivolgendosi direttamente al Vice Sindaco ed Assessore all'Ambiente Onofrio Palma.

"Volevo affrontare il problema della delibera che avete approvato sull'igiene urbana, sulla quale peraltro non avete fatto nessuna commissione perchè, come lei mi diceva, siete arrivati un momentino in ritardo, perchè in 6 mesi non si poteva fare tutto quello che invece in realtà si è riusciti a fare all'ultimo momento.

Pertanto forse sarebbe opportuno per tutti i cittadini di Carovigno far capire questo progetto nel merito, siccome mi diceva che il progetto, così come lo dovete mandare a Bari con tutte le modifiche progettuali non si trova nemmeno al Comune.

L'ideale sarebbe fare una commissione per verificare dal punto di vista tecnico, anche per l'esperienza che abbiamo acquisito sulla gestione di un servizio così complicato in un territorio così grande come quello di Carovigno, che presenta delle difficoltà di gestione del sevizio abbastanza importanti.

Ci piacerebbe poi conoscere il tecnico che ha redatto il progetto, e fare insieme a lui una riunione operativa per capire come viene modificato questo progetto e se possiamo esprimere la nostra opinione sulla gestione del servizio proprio in virtù della nostra esperienza.

Molti si chiedono perchè è stata fatta un'ordinanza, perchè non è stata fatta una gara ponte, perchè si è arrivati all'ultimo momento, forse sarebbe preferibile se l'Assessore all'Ambiente rispondesse per evitare che poi ognuno di noi dica la sua o si inventi qualcosa che poi magari così non è".

Ha quindi preso la parola l'Assessore Onofrio Palma.

"Il progetto della gara ponte è agli atti del Comune e avrà una durata di 24 mesi con eventuale proroga per ulteriori 24 mesi.

In linea di massima il nuovo progetto approvato prevede alcune modifiche rispetto a quello attuale.

La prima, quella più importante, è l'estensione del periodo estivo che anzichè essere da Giugno ad Agosto viene esteso a tutto il mese di Settembre, perchè ormai il mese di Settembre deve essere considerato a tutti gli effetti periodo estivo.

L'altra modifica che è stata approvata prevede una amplificazione dei turni di raccolta.

Sono state distinte le utenze domestiche da quelle non domestiche e per queste ultime è stato previsto un circuito di raccolta dedicato che arriva ad effettuare la raccolta dell'umido 6 giorni su 7 nel periodo estivo e 4 giorni su 7 nel periodo ordinario, una maggiore raccolta del vetro e della plastica, lasciando invariata la raccolta dell'indifferenziato.

Per le utenze domestiche viene invece introdotta una raccolta aggiuntiva a richiesta di pannolini e pannoloni da effettuarsi quindi 2 volte a settimana anzichè una come l'attuale sistema prevede.

Altre modifiche sostanziali prevedono l'introduzione del riassetto pomeridiano soprattutto nel periodo estivo nel centro storico e nelle marine, perchè un paese turistico non può non avere un servizio pomeridiano da effettuarsi 7 giorni su 7.

Per quanto riguarda l'importo a base d'asta al netto dei servizi aggiuntivi e della rivalutazione che c'è stata nell'anno è di circa 2.700.000 euro pertanto solo 100.000 euro in più rispetto a quello attuale.

La stazione unica appaltante che si occuperà del bando vero e proprio è stata individuata nell'AGER che seguirà tutto l'iter per l'aggiudicazione della gara.

Non potendo procedere a proroga, in quanto l'attuale appalto era già stato affidato nel 2015 e prorogato successivamente, perchè ai sensi di legge potrebbe configurarsi un affidamento diretto illegittimo, nelle more dell'aggiudicazione della gara, probabilmente si utilizzerà una ordinanza sindacale per una proroga di 6 mesi, eventualmente cessabili anticipatamente nel momento in cui l'AGER dovesse espletare le procedure di gara prima di questo termine".

Ha quindi ripreso la parola il Consigliere Zizza.

"Se l'AGER e l'amministrazione comunale sono convinti che in 6 mesi bene; io mi auguro che poi non si arrivi ad una ulteriore ordinanza, perchè sappiamo bene che queste cose hanno dei tempi lunghissimi, con ricorsi e contro ricorsi, con il rischio di doverci tenere un servizio menomato sul quale ci sono serie difficoltà anche nel controllo di tale servizio.

Oggi la città è sporca, è piena di erba, e ci sono una serie di problematiche che vengono fuori dall'attuale capitolato che evidentemente non era così perfetto.

Allora, proprio per evitare che la nuova ditta abbia gli stessi problemi della ditta attuale occorre chiarire bene alcuni punti, per esempio che quando un dipendente dichiara di essere malato dev'essere immediatamente sostituito per evitare, come è già accaduto, che decine di dipendenti si diano per malati e che la sostituzione dovuta per legge non venga effettuata.

Questo è un problema che conosciamo bene: tutte le ditte private quando ci sono dei dipendenti in malattia non li sostituiscono.

Secondo me dovremmo inoltre valutare la possibilità, ma credo che lo stiate già facendo, di distaccare un vigile urbano proprio al controllo del servizio.

Oggi invece, proprio perchè la ditta non ha una prospettiva di proseguimento nel tempo, non sta investendo più sui mezzi ed oggi stiamo ricevendo un servizio schifoso.

Siccome prossimamente a tutti noi giungerà la Tassa Rifiuti da pagare e siamo una città turistica, se questi  in 6 mesi non riuscirà ad espletare la gara, rischiamo seriamente di ritrovarci l'estate prossima con la stessa ditta con cui ci siamo ritrovati l'estate scorsa con tutti i problemi che abbiamo avuto".

Ha quindi risposto l'Assessore Onofrio Palma.

"Tutto dipende da come viene progettato il servizio.

Nel nostro caso la sostituzione dei dipendenti non avviene nel rapporto di 1 a 1.

Il capitolato in essere a Carovigno prevede il numero minimo dei dipendenti dimensionato sul numero di ore lavorate annue, ciò significa che il totale delle persone attualmente assunte dovrebbe essere in grado di coprire le eventuali assenze per malattia".

Immediata la replica del Consigliere Vittorio Zizza

"Assessore mi dichiara soddisfatto dalla sua cortesia e disponibilità, ma non nel merito del progetto.

Per quanto ci riguarda il progetto dovrebbe essere migliorato se c'è la vostra disponibilità o di chi l'ha predisposto, stabilendo che la ditta deve sostituire esattamente lo stesso numero delle persone che si mettono in malattia, perchè con il gioco delle ore, fatevelo dire da un vecchio amministratore, come mi definite voi giornalmente quando parlate con le persone, non funziona.

Per l'esperienza che ho maturato in tanti anni posso assicurarvi che se non aumentiamo il numero degli addetti durante il periodo estivo, il servizio non va.

Per l'esperienza sbagliata dal punto di vista economico, ma precisa dal punto di vista del servizio che abbiamo avuto con la multiservizi (Carbinia S.r.l.), se non raddoppi il numero delle persone che lavorano d'estate quel servizio non lo farai mai!

Non lo farai mai perchè l'estate le malattie aumentano, perchè forse il raffreddore stranamente arriva prima.

Allora il consiglio che posso dare a chi sta apportando modifiche al progetto è quello di stabilire che se un operaio si pone in malattia deve essere sostituito giornalmente, e che deve essere diminuito il monte ore, magari anche facendo dei contratti estivi a 5 ore che sono più che sufficienti se si aumenta a 28 il numero degli operai estivi.

Se così non sarà con il servizio che avete predisposto con 18 operai non riuscirete mai a svolgere il servizio perchè dal punto di vista tecnico non sta in piedi perchè la ditta non ci starebbe dentro con i costi.

Questo è il mio consiglio, se lo volete ascoltare, noi siamo qui a disposizione, diversamente la mattina di Ferragosto saranno malte 10 persone e non sarete in grado di rendere il servizio con 10 persone in meno.

Diversamente la ditta farà risultare di aver recuperato quelle ore (chissà dove), perchè il responsabile del servizio non può stare sempre sul pezzo, poi nascono connivenze con i responsabili unici del procedimento e queste ore vanno a finire a tarallucci e vino".

E' infine intervenuto il Sindaco Massimo Lanzilotti.

"Fosse per me non solo l'estate ma anche di inverno potenzierei il servizio con decine e decine e decine di operai in più, ma tutto questo si tramuterebbe in una insostenibilità finanziaria, che significa un piano economico finanziario che significa una tassa rifiuti più elevata da catapultare sui cittadini, su tutti noi, su chi paga e su chi non paga!

La situazione tra le carte, tra i progetti, tra tutto ciò che ci si dice può essere bellissimo, tutto è attuabile come è stato fatto pochi anni fa, ma poi la sostenibilità finanziaria non ci consentirebbe assolutamente di mantenere questo stato, e ciò significherebbe non poter garantire altri servizi.

Ecco perchè mi sono affidato al mio Vice Sindaco ed Assessore all'Ambiente e sono sicuro della bontà del lavoro che ha svolto e che sta svolgendo.

Siamo anche convinti della bontà del progetto perchè abbiamo fatto tesoro di quelli che sono stati gli errori del passato, e se oggi la città non è brillante e non è pulita, consigliere Zizza, poteva essere più attento anche precedentemente, ma mi accorgo che i punti di vista cambiano anche in base a dove si è seduti".

Respinta pertanto la proposta del centrodestra.