La Lanterna del Popolo

"La Lanterna del Popolo" - Mensile di Attualità, Cronaca, Cultura, Informazione e OpinioneBenvenuti nel Sito Ufficiale de "La Lanterna del Popolo" - Carovigno (BR) - ITALIA

 

 

 

 

Rubrica: Curiosando ... nel Mondo

a cura di Domenico Basile

Costruiscono la loro casa, ma sul terreno sbagliato

----------

Polizia ispeziona il sedere a ben 10.000 piccioni

 

 

© - La Lanterna del Popolo (2019)

Costruiscono la casa dei sogni, ma sul terreno sbagliato: l’incubo legale di una coppia

TAMPA - Tutto si sarebbero aspettati Mark Voss e sua moglie tranne di finire dentro un incubo legale come quello che in cui si sono impantanati.

I due hanno coronato il sogno di costruire la casa dei loro desideri, ma per sbaglio è stata edificata su un terreno che non è di loro proprietà, ed ora è nata la prevedibile contesa col reale proprietario del terreno.

Voss è un agente immobiliare che possedeva diversi lotti di terreno a Tampa, in Florida, e aveva deciso di costruirvi la sua casa dei sogni: una villa di 3 piani, con 5 camere, che gli è costata 680.000 dollari.

Solo che dopo alcuni mesi dalla costruzione, quando i tecnici sono andati a controllare la casa completata: la società di costruzioni non aveva costruito la villa sul terreno di Voss, ma su un terreno confinante, che appartiene ad una coppia del North Carolina.

Siamo totalmente increduli. Non pensavamo potesse succedere una cosa del genere. Volevamo traslocare, ma adesso non siamo più sicuri”, ha dichiarato Voss.

La società di costruzione sembra abbia ammesso l’errore, e sta cercando di negoziare una soluzione con i proprietari del terreno. (The New York Times)

Donna beve 2 litri di sangue umano ogni mese

PHILADELPHIA - Julia Caples adora i vampiri.

Durante il suo primo bacio, ha morso il suo ragazzo per poterne succhiare il sangue.

"E' stato un istinto naturale, e il sapore mi è piaciuto. E’ un bisogno che non è più andato via. Certo, lui non mi ha mai più baciata…", racconta Julia.

La sua passione per i vampiri però è esplosa quando ha conosciuto Donald, il suo ex-marito.

Oggi la sua “sete di sangue” è soddisfatta da donatori appassionati di vampiri come lei, che accettano l’idea di offrirle il proprio sangue, che Julia beve direttamente dal loro corpo come un vero vampiro.

Spesso i donatori sono conosciuti on line, ma prima di bere il loro sangue Julia vuole conoscerli di persona, e avere anche un certificato medico per assicurarsi che non ci sia il rischio di trasmissione di malattie.

"Quando mi nutro del sangue umano mi sento più forte e più sana: so che scientificamente non ci sono molti valori nutritivi nel sangue, però forse c’è qualcosa che non abbiamo ancora scoperto", spiega la donna.

Molti sociologi sostengono che ci sia stato un boom di vampirismo negli ultimi tempi, ed anche Julia conferma che ci sono molte più persone di quel che si potrebbe credere che bevono sangue umano. (Philly News)

La foto segnaletica più felice del mondo

DENVER - Il 45enne Michael Whitington è diventato una celebrità su Internet, dopo il suo arresto per la rapina ad una banca di Denver, in Colorado.

A renderlo famoso non l’abilità nel colpo (e neppure clamorose ingenuità commesse durante esso), ma la foto segnaletica, che lo ha fatto soprannominare “il criminale più felice del mondo”.

Se normalmente nelle foto segnaletiche gli arrestati appaiono sconfortati e delusi, l'uomo ha invece una espressione che appare assolutamente entusiastica.

Whitington è accusato di avere rapinato una banca all’interno di un centro commerciale a Denver, tentando di fuggire utilizzando la metropolitana.

Eppure è stato dimostrato che fuggire con i mezzi pubblici non è una buona idea: infatti, la polizia ha fatto fermare il treno e ha arrestato l’uomo. (CNN)

Polizia ispeziona il sedere di 10.000 piccioni in cerca di esplosivi

PECHINO - In occasione della festa nazionale cinese, la polizia ha avuto un incarico insolito: ispezionare il sedere di 10.000 piccioni che avrebbero dovuto essere liberati in piazza Tienanmen durante la cerimonia.

Lo strano compito è stato fonte di ironia, perché alcuni giornali hanno titolato "10.000 piccioni sottoposti a controllo anale in cerca di oggetti sospetti".

La ricerca di cui sono stati incaricati i poliziotti cinesi è sintomo della preoccupazione delle autorità cinesi.

Non si sa però esattamente che cosa temessero di trovare le autorità: la tesi più accreditata è quella di alcuni giornalisti che hanno ipotizzato che fossero alla ricerca di esplosivi piazzati nei sederi dei piccioni, a scopo terroristico, ma altri hanno ipotizzato che il timore fosse relativo ad un molto meno cruento lancio di bigliettini con messaggi di libertà o che comunque cercassero di aggirare la censura cinese.

Un blogger ha commentato amaramente che quanto subito dai piccioni simboleggia la vita dei cittadini cinesi: "La libertà e dignità dei cittadini è sempre più vulnerabile, e può essere tolta in qualunque momento, come ai piccioni; hanno dovuto subire il dolore e l’insulto di un rude controllo anale e comunque devono apparire felici in tv durante la cerimonia". (Reuters)

Sciopero della fame da 4 anni: “Il governo mi ha rubato la casa”

BANGALORE - Il 75enne indiano Sukumaran Menon da ormai 4 anni si nutre solo di pane e acqua, e ogni giorno va fino alla stessa panchina fuori dal parco Mahatma Gandhi, a Bangalore, armato di ombrello per proteggersi dal sole, per protestare contro il governo che accusa di “avergli rubato” la casa e i terreni.

Menon non ha nessun cartello, e non vuole neppure che gli vengano scattate foto, ma è convinto che la sua perseveranza gli porterà giustizia: “Non devo dire niente, è il governo che deve parlare”, commenta, ma finora nessun rappresentante pubblico l'ha incontrato.

Ciò che l’uomo non riesce ad accettare è l’esproprio delle sue proprietà: "L’acquisizione dei terreni [per la nuova autostrada e il nuovo quartiere] erano iniziati nel 1996, ma nessuno ci ha detto niente fino al 2004”.

Menon si era rifiutato di cedere i suoi terreni, finché una notte nel 2009 questi sono stati incidentalmente allagati da dei lavori: "Abbiamo dovuto fuggire nel mezzo della notte, nella nostra casa c’era l’acqua fino al ginocchio”, e a questo punto, la società che gestiva la costruzione del nuovo quartiere ha occupato il suo terreno, senza dare alla sua famiglia nulla.

L’uomo ha cercato di ottenere giustizia per vie legali, ma senza fortuna: "Ho speso tutto ciò che avevo per difendere i miei diritti, ma non ho fiducia nei magistrati: sono stati sicuramente corrotti". (The Times of India)

Misteriosa "marea di aragoste" sulla spiaggia

TIJUANA - Una distesa di crostacei lunga 8 km ha riempito la spiaggia della città di Tijuana al confine con gli Stati Uniti.

Secondo l'agenzia ambientale messicana la "marea rosa" che ha riempito la spiaggia di piccole aragoste, sarebbe imputabile ad un "moto ondoso anomalo" che ha portato le aragostine a spiaggiarsi.

Intanto, mentre gli esperti indagano sulle cause, l'amministrazione comunale ha vietato l'accesso al mare alle persone: infatti, se la sabbia, è ricoperta di aragostine il mare è invaso dalle meduse. (Notimex)

L’alcolizzato più giovane del mondo ha solo 2 anni

PECHINO - Cheng Cheng ha il primato di essere l’alcolizzato più giovane del mondo, ad appena 2 anni.

Sembra che tutto sia iniziato quando aveva solo 10 mesi, e suo padre gli metteva in bocca bastoncini imbevuti nel vino per farlo smettere di piangere, poi ha iniziato a consumare alcolici in quantità crescente.

All’inizio i genitori e i familiari del bimbo consideravano la cosa buffa: trovavano divertente che bevesse una intera bottiglia di birra senza avere effetti collaterali, limitandosi a svuotarla e a chiederne ancora, ma quando la storia è uscita dalle mura domestiche, la famiglia è stata pesantemente criticata per avere incoraggiato tale comportamento.

La famiglia sembra avere capito la sconsideratezza del proprio comportamento sotto la pressione pubblica e la minaccia di conseguenze legali e di perdere la patria potestà sul figlio, ma togliere ad un bambino di 2 anni qualcosa che desidera è difficile, specie senza terapie appropriate, e sembra che i genitori gli diano ancora vino o birra quando inizia le sue scenate.

"A volte fa veramente tanto rumore, e non abbiamo altra scelta che dargli un po’ di vino; i suoi occhi sono sempre sulle bottiglie di alcolici". (Xinhua News)

Arte dolorosa: artista si cuce i ritratti dei suoi parenti sulla mano

MADRID - L’artista spagnolo David Cata è un tipo un po' originale, infatti con ago e filo, si ricama sul palmo della mano i volti delle persone che hanno avuto più impatto nella sua vita, a partire dalla sua famiglia.

E se David non è l’unico artista che usa il proprio corpo come tela, quello che caratterizza il suo lavoro è il dolore: per quanto il filo sia cucito superficialmente, sicuramente almeno un po’ male il ricamo lo deve fare, specie quando poi toglie il filo (operazione compiuta non proprio con delicatezza, a quanto pare).

La serie di opere è denominata “A flor de piel” (“sotto la pelle”), e David spiega che lo considera una sorta di diario autobiografico supportato dal suo corpo: “ricamo le facce di chi ha segnato la mia vita, famiglia, amici, coppie, insegnanti; le loro vite sono intrecciate alla mia per costruire la mia storia, una storia che finirà quando non avrò più vite di cui scrivere".

Sul dolore nella realizzazione delle opere, David commenta: "Il dolore fisico non è un limite; ci unisce di più pensando che la mia mano è stata marchiata, e che a quel tempo ha toccato la loro mano". (El Pais)

Carcere nega le riviste porno al boss: è polemica

ASCOLI - Nel carcere di Ascoli Piceno un boss in regime di 41 bis non potrà ricevere le tanto desiderate riviste pornografiche.

Il giudice di sorveglianza di Macerata ha dato l'ok alla sua richiesta, ma il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha bloccato tutto, per il timore che, nascosti tra le pubblicità pubblicate sulle pagine hot, vengano inseriti messaggi per l'ergastolano.

Il recluso però non si arrende e ha presentato ricorso.

"E' incredibile che un organo amministrativo si frappong  ad una decisione di un organo giudiziario", afferma il legale del boss che ha presentato ricorso alla procura di Roma e a quella di Ascoli, chiedendo che vengano disposti accertamenti sul carcere.

Anche il magistrato di sorveglianza, ha stabilito che un recluso, sebbene sia sottoposto al carcere duro, ha il diritto di preservare la propria integrità psico-fisica.

Donna kazaka sostiene che la  sua barba sia il segreto del suo matrimonio felice

ASTANA - La signora Mukhtabor Toraeva è una celebrità nella sua città, Turbat in Kazakistan, a causa del suo aspetto decisamente insolito: la 65enne infatti ha una folta barba lunga quasi 20 centimetri.

Eppure la donna sostiene che è proprio grazie ad essa che ha avuto un lungo matrimonio felice.

"Mio marito mi ama ed oggi abbiamo un figlio, una figlia, e 6 nipoti; la barba è una cosa di famiglia: mia mamma e mia nonna ce l’avevano, anche se la loro era arrivata ad essere lunga al massimo solo 15 centimetri”, racconta con orgoglio la donna.

Nel suo paese la donna è considerata un simbolo del fatto che bisognerebbe accettarsi come si è, e non aderire per forza ai canoni di bellezza della massa.

Molte donne non nascondono una certa ammirazione, tanto che si fanno spesso foto con lei. (Reuters)

Trova 98.000 dollari nella scrivania: li restituisce

NEW HAVEN - Noah Muroff, un giovane rabbino di New Haven, nel Connecticut, padre di 4 figli e insegnante di studi ebraici in una scuola privata, ha trovato 98.000 dollari dentro una scrivania acquistata per 150 dollari, e li ha restituiti a chi gli aveva venduto il mobile, una signora colpita dalla morte dei genitori.

I soldi, lasciati in una borsa dimenticati in uno dei cassetti della scrivania, erano parte della sua eredità.

Muroff, che i media americani stanno dipingendo come emblema di onestà, stava smontando il mobile perché troppo largo per passare attraverso la porta di casa.

Trovata la borsa il giovane rabbino e la moglie non hanno avuto dubbi: "Non possiamo tenere questi soldi, siamo stati allevati come ebrei ortodossi e questo è ciò che ci hanno insegnato fin dalla giovane età: fare ciò che è giusto e pensare ai sentimenti degli altri".

L'atto generoso ha lasciato di stucco l’ex proprietaria della scrivania, che gli ha scritto: "Non potrò mai ringraziarti abbastanza per la tua onestà e integrità, non credo che al mondo esistano molte persone come te, ma ciò che hai fatto mi fa pensare che c'è ancora brava gente in questo pazzo mondo in cui viviamo”.

Per Muroff è comunque arrivata una ricompensa di 3.650 dollari che ha versato in un fondo per pagare il college ai figli. (Washington Times)

Ragazza sposa cane randagio, contro la sfortuna

NEW DEHLI - Una ragazza indiana 18enne ha sposato un cane randagio in una cerimonia che ha rispettato tutti i crismi della tradizione, con tanto di abiti da sposa, autisti, ed ovviamente tanti amici e parenti.

Il matrimonio è stato organizzato per scacciare gli spiriti maligni, su indicazione degli anziani del villaggio: “Ho sposato il cane perché gli anziani dicono che così il malocchio andrà via da me ed andrà al cane”, spiega la ragazza, Mangli Munda, che però non nega di avere avuto qualche dubbio quando le è stata prospettata l’idea di sposare il cane.

La convinzione che la giovane possa essere vittima del malocchio si è sviluppata in base alle congiunzioni astrali che si sono verificate al momento della sua nascita, e la tradizione seguita nei villaggi più remoti è che sia celebrato un matrimonio con un albero o un cane per trasferire ad esso la sfortuna.

Rispetteremo il cane come rispetteremmo un normale sposo: abbiamo speso soldi per questo matrimonio, ma era l’unico modo in cui lei poteva liberarsi della sfortuna e assicurarsi la benevolenza del villaggio”, ha raccontato la madre di Mangli. (The Times of India)

Manchester, si ubriaca e finisce a Parigi

MANCHESTER - A volte ubriacarsi può concedere l’incoscienza per compiere azioni fuori dal normale, come è successo a Luke Harding, un 19enne di Manchester, che, dopo una serata in discoteca all’insegna dell’alcool, si è ritrovato a Parigi.

Quasi senza accorgersene il giovane inglese, operaio in un’azienda metalmeccanica, dopo il lavoro, aveva deciso di passare la serata con un amico.

Una pinta di birra, poi una capatina alla discoteca Tokyo Project a Oldham, nell’hinterland di Manchester.

Una serata come tante che si stava concludendo con un tranquillo ritorno a casa in taxi.

Poi Luke si ritrova tra le mani il proprio passaporto, un’occhiata sul telefonino all’offerta di voli low cost per Parigi, ed ecco che l’idea prende il sopravvento nella testa non proprio lucida del giovane inglese.

Col cellulare prenota all’istante un volo per la capitale francese a 100 sterline (poco meno di 120 euro).

Quindi si fa portare di corsa all’aeroporto con la scusa che deve partecipare ad un convegno medico, e in men che non si dica il 19enne è sull’aereo per Parigi.

Per Luke il viaggio trascorre con una bella dormita, e al risveglio ci ha messo un po’ a capire di trovarsi all’aeroporto Charles de Gaulle, 500 miglia (circa 800 km) più a sud di Manchester.

Dopo aver tranquillizzato la mamma, il giovane inglese ha sfruttato la giornata in maniera utile visitando la Tour Eiffel e all’Arco di Trionfo, ma alla fine nessun rimpianto, nemmeno per le 300 sterline spese. (BBC)

Nasce un nuovo mestiere: fare le coccole

PORTLAND - Una 29enne di Portland, nell’Oregon, sta lanciando una nuova professione: la coccolatrice.

Nessun pensiero malizioso, però: si tratta di un mestiere serio con regole precise e un tariffario.

La giovane, Sam Hess, ha fondato la "Cuddle up to me", un’azienda specializzata in coccole, dopo aver visto un esperimento su Youtube in cui 2 uomini offrivano per strada abbracci gratuiti o a pagamento.

“Le persone disposte a pagare erano più di quelle che accettavano abbracci gratuiti - spiega - allora ho capito che c’è un valore reale nell’affetto”.

L’intraprendente ragazza americana offre ai propri clienti 2 pacchetti base: una sessione di 30 minuti costa 35 dollari, una da 60 minuti, invece, 60 dollari.

Sam tiene per mano la persona bisognosa di affetto, oppure si rannicchia con lei o lui sul divano.

I clienti possono scegliere anche sessioni settimanali prepagate e prezzi forfetari per i pernottamenti.

Il tutto, però, si svolge entro limiti ben precisi, che non prevedono alcun coinvolgimento sessuale e nemmeno la possibilità di toccare determinate parti del corpo.

Anzi Sam, prima di avviare qualsiasi rapporto di lavoro, incontra per 45 minuti il potenziale cliente in un luogo pubblico per capirne le reali intenzioni.

Oltre a interrompere la sessione se necessario, Sam può contare anche sulla conoscenza delle arti marziali.

“Nessuno ha mai violato le regole - afferma la giovane imprenditrice - fra i miei clienti ci sono papà single, vedove, persone depresse, etc.”.

Il nuovo mestiere sta spopolando anche a Tokyo, in Giappone, dove esiste un locale per dormire in compagnia: i clienti pagano 40 dollari per dormire 20 minuti con una ragazza e circa 75 per un’ora intera.

Per 13 dollari, inoltre, si può restare 3 minuti con la testa appoggiata sulle ginocchia della ragazza.

Altri 13 dollari per un abbraccio in più. (Reuters)

Si inietta olio e alcol nelle braccia per assomigliare all'incredibile Hulk: rischia l'amputazione

SAN PAOLO - Olio e alcol iniettati nell'organismo per ottenere bicipiti grandi come quelli dell'incredibile Hulk.

Ha messo a repentaglio la sua vita solo per assomigliare al suo mito d'infanzia, l'Incredibile Hulk.

Un 25enne brasiliano di nome Romario Dos Santos Alves, si è iniettato nelle braccia un cocktail che avrebbe dovuto potenziare i suoi bicipiti, ma che invece si è rivelato quasi letale.

Questo filler sintetico lo ha quasi ucciso: Romario ha infatti rischiato l'amputazione di entrambe le braccia ed ha tentato il suicidio.

Quando cammina per strada lo chiamano "bestia" e "mostro" e i bambini del vicinato hanno paura di lui.  

Romario avverte tutti coloro che ricorrono a metodiche artificiali per gonfiarsi i muscoli: "Fate attenzione, non ne vale la pena". (Globosat)

Tradisce la fidanzata e si umilia con un cartello: "Donne, ho mentito: ora fatemi del male"

SYDNEY - Un uomo ha scelto di espiare la colpa per non essere stato fedele alla sua compagna esponendosi nelle vie di Sidney alla 'violenza' di coloro che volevano vendicarla.

In effetti il pentimento di un uomo fedifrago non è mai stato così sfacciatamente ammesso.

L'uomo si è autoesposto al pubblico ludibrio con un cartello che recitava: "Ho mentito alla mia compagna, ho infranto le mie promesse, sono un ipocrita. Se anche tu sei mai stata ferita da un uomo, per favore umiliami e fammi del male".

Dopo essersi macchiato di un tradimento ai danni della sua donna, l'adultero ha deciso di espiare le sue colpe esponendosi agli insulti e alle violenze delle passanti vestito con sacchi della spazzatura, ed è diventato il bersaglio di una pioggia di uova e cibo di ogni tipo.

L'uomo ha poi spiegato ad un giornale australiano le ragioni del suo gesto per respingere eventuali accuse.

Una testata locale ha filmato anche la furia di 4 donne contro il reo, una delle quali gli ha rinfacciato che avrebbe dovuto fare molto di più per farsi perdonare: "Se davvero volevi sottoporti ad una sfida, perché non hai scelto di subire tutte le ingiustizie che ogni giorno gli uomini infliggono alle donne?".

Nonostante il gesto, l'uomo si è detto certo che la sua ex comunque non lo perdonerà mai. (ABC News)

Trovano una gamba mozzata in una discarica

MIAMI - Due poliziotti di Miami, in Florida, hanno fatto una scoperta singolare.

I 2 agenti hanno rinvenuto la gamba mozzata di un uomo in una discarica alla periferia della città.

A rendere ancora più inquietante la macabra scoperta, un cartellino attaccato all'arto, su cui era riportato il nome di John Timiriasieff. 

A quel punto, temendo il peggio, gli agenti si sono precipitati a casa dell'uomo, scoprendo però che il proprietario dell'arto era vivo e vegeto.

John Timiriasieff, infatti, aveva subito l'amputazione della gamba un mese prima ed ora stava bene.

In seguito all'episodio la polizia ha aperto invece un'indagine sull'ospedale che dovrà spiegare come mai non avessero seguito le normali procedure di smaltimento per disfarsi dell'arto di Timiriasieff. 

Il direttore dell'Ospedale, Coral Gables, si è scusato con il paziente spiegando "di aver adottato tutti i provvedimenti adeguati per fare in modo che questo inconveniente non si ripeta mai più". (USA Today)